Archiv der Kategorie: Architektur Italien

CONF: Continuare la città. Principi e tendenze nella ricerca architettonica ed urbanistica di una città moderna all’italiana, 1919-1945 (Roma, 12/13 luglio 2018)

Paniconi_Fiuggi_Landschaftsplan_AA_V_1933_s327_high_q

Mario Paniconi: Piano paesaggistico per Fiuggi (Architettura 1933, p. 327).

Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia dell’arte, Roma, in cooperazione con l’Università di Bamberga, 12/13 luglio 2018

Conferenza internazionale | 12/13 luglio 2018
Continuare la città. Principi e tendenze nella ricerca architettonica ed urbanistica di una città moderna all’italiana, 1919-1945.
Location 12 luglio (convegno): Villino Stroganoff, Via Gregoriana 22, Roma | ore 10.00. Partecipazione gratuita.
Location 13 luglio (escursione): Piazza Pantero Pantera, Roma | ore 09.00. Partecipazione gratuita.

Dopo la prima guerra mondiale si attuò una netta accelerazione dei processi di cambiamento e di trasformazione sociale che trovò le sue realizzazioni più concrete nell’ambiente costruito. Su questo sfondo, il DNA della città storica offrì uno dei più importanti punti di riferimento per lo sviluppo pratico di una nuova architettura e delle progettazioni urbanistiche e paesaggistiche. Il risultato non fu una sola strategia, ma una molteplicità di principi formali e tendenze cui era comune l’imperativo e il senso della continuità culturale. La conferenza propone di chiarire i metodi con cui gli architetti e urbanisti italiani si riappropriarono della propria tradizione edilizia e la resero idonea alla trasformazione moderna del loro paese. L’escursione servirà invece a conoscere sul luogo un esemplare caso di espansione edilizia del periodo tra le due guerre mondiali.

Organizzatori e presidenza:
Luigi Monzo, Università di Innsbruck (Austria), info [at] luigimonzo.de
Carmen M. Enss, Università di Bamberga (Germania), carmen.enss [at] uni-bamberg.de
Christiane Elster, Bibliotheca Hertziana – Istituto Max Planck per la storia dell’arte Roma, elster [at] biblhertz.it

Programma, 12/13 luglio 2018:

Giovedì 12 luglio 2018, Villino Stroganoff, Via Gregoriana 22, Bibliotheca Hertziana Roma

10.00
Saluto, Direttrice Tanja Michalsky, Christiane Elster (Bibliotheca Hertziana – Istituto Max-Planck per la storia dell’arte, Roma)

10.15
Paesaggi in transizione in un’Italia che si rinnova (Introduzione), Carmen M. Enss, Università di Bamberga; Luigi Monzo, Università di Innsbruck

10.30
Aban Tahmasebi, Università La Sapienza Roma, “Garbatella and the implicit sense of historical continuity in the 30s”

11.15
Pausa

11.45
Lorenzo Ciccarelli, Università di Firenze, “Innocenzo Sabbatini e la creazione di Roma moderna”

12.30
Anna Vyazemtseva, Università dell’Insubria (Varese) e Institute of History and Theory of Architecture and Urbanism Moscow, “Transformation of Rome and the masterplan of the reconstruction of Moscow. Historical heritage between modernity, memory and ideology”

13.15
Pausa pranzo

14.15
Elmar Kossel, Universität Innsbruck, “Continuità e cambiamento urbano nella Firenze del Ventennio nero”

15.00
Micaela Antonucci, Università di Bologna; Sofia Nannini, Politecnico di Torino, “Trasformazioni architettoniche e urbane in Romagna in epoca fascista fra tradizione e modernità”

15.45
Pausa

16.15
Christine Beese, Freie Universität Berlin, “The Townscape of Bari – a Laboratory of Italian Urbanism during the early Twentieth Century”

17.00
Discussione

Conferenza serale:

19.00
Paolo Nicoloso, Università di Trieste, “Piacentini e il nuovo volto delle città all’italiana”

Venerdì 13 luglio 2018, Escursione quartiere Garbatella, partenza: Piazza Pantero Pantera, Roma

09.00
Passeggiata Garbatella (Aban Tahmasebi) [ca. 2h]
partecipazione previa registrazione (elster@biblhertz.it)

 

CONF: Paesaggio in transizione. Trasformazione, riordinamento e continuità nell’architettura della città italiana tra le due guerre. (Sorrento, 14 giugno 2018)

Libera_CasaPigione_AA_X_1933_s638_hAnnual Conference of the American Association for Italian Studies (AAIS)
Istituto Sant’Anna, Via Marina Grande 16, Sorrento (Italy), 14-17 June 2018
https://aais.wildapricot.org/conference-program

Session 24 | 14 giugno 2018
Paesaggio in transizione. Trasformazione, riordinamento e continuità nell’architettura della città italiana tra le due guerre.
Location: Aula 10, Istituto Sant’Anna.

Dopo la prima guerra mondiale si attuò una netta accelerazione dei processi di cambiamento e di trasformazione sociale che trovò le sue realizzazioni più concrete nell’ambiente costruito. Su questo sfondo, il DNA della città storica offrì uno dei più importanti punti di riferimento per lo sviluppo pratico di una nuova architettura e delle progettazioni urbanistiche e paesaggistiche. Il risultato non fu una sola strategia, ma una molteplicità di principi formali e tendenze cui era comune l’imperativo e il senso della continuità culturale. La sezione propone di chiarire i metodi con cui gli architetti e urbanisti italiani si riappropriarono della propria tradizione edilizia e la resero idonea alla trasformazione moderna del loro paese.

Organizzatori e presidenza:
Luigi Monzo, Università di Innsbruck (Austria), info [at] luigimonzo.de
Carmen M. Enss, Università di Bamberga (Germania), carmen.enss [at] uni-bamberg.de

Programma, 14 giugno 2018:

10:45-12:15: Session part 1: CONCETTI E CONCRETIZZAZIONI [1I]

1. Cettina Lenza, Università della Campania, “Il concetto di tradizione nel dibattito teorico ed estetico dal Ventennio al secondo dopoguerra”

2. Angela Pecorario Martucci, Università della Campania, “Autarchia e tradizionene ll’architettura del ventennio”

3. Cecilia De Carli, Università del Sacro Cuore Milano, “Declinazione della cultura architettonica e urbanistica nell’area milanese di S. Ambrogio fra le due guerre”

4. Scott Budzynski, Savannah College of Art and Design, “Vertical City: Milan’s Early Skyscrapers”

12:15-13:15: Pausa pranzo

13:15-14:45: Session part 2: PANORAMI URBANI [2I]

1. Giulia Favaretto e Chiara Mariotti, Università di Bologna, “Progettare il medioevo. Rimini e Forlì negli anni Venti : il volto ridisegnato di due piazze della Romagna”

2. Elena Pozzi, Politecnico di Milano; Marco Pretelli e Leila Signorelli, Università di Bologna, “Progettare il medioevo. Giulio Ulisse Arata in Emilia Romagna”

3. Alberto Coppo, Sapienza Università di Roma, “Conservare l’antico per costruire il moderno. Visioni di una Brescia alternativa nel progetto di Pietro Aschieri (1927)”

4. Sandro Scarrocchia, Accademia di Belle Arti di Brera, “Bergamo come case study”

CFP: Paesaggio in transizione. Trasformazione, riordinamento e continuità nell’architettura della città italiana tra le due guerre. (Sorrento, 14-17 giugno 2018)

Libera_CasaPigione_AA_X_1933_s638_h

Adalberto Libera: Casa Pigione, Roma, 1933.

CALL FOR PAPERS

Annual Conference of the American Association for Italian Studies (AAIS)
Sant’Anna Institute, Sorrento (Italy), 14-17 June 2018
Deadline: 30 december 2017
https://aais.wildapricot.org/session_proposals

[English version see below]

Session 24
Paesaggio in transizione. Trasformazione, riordinamento e continuità nell’architettura della città italiana tra le due guerre.

Dopo la prima guerra mondiale si attuò una netta accelerazione dei processi di cambiamento e di trasformazione sociale che trovò le sue realizzazioni più concrete nell’ambiente costruito. Su questo sfondo, il DNA della città storica offrì uno dei più importanti punti di riferimento per lo sviluppo pratico di una nuova architettura e delle progettazioni urbanistiche e paesaggistiche. Il risultato non fu una sola strategia, ma una molteplicità di principi formali e tendenze cui era comune l’imperativo e il senso della continuità culturale. La sezione propone di chiarire i metodi con cui gli architetti e urbanisti italiani si riappropriarono della propria tradizione edilizia e la resero idonea alla trasformazione moderna del loro paese.

Si prega di inviare un abstract di 200-250 parole e una breve biografia, completa di affiliazione e indirizzo email, a Luigi Monzo (info [at] luigimonzo.de) entro il 30 dicembre 2017. Si avvisa di attenersi alle norme della conferenza: https://aais.wildapricot.org/conference_guidelines.

Organizzatori e presidenza:
Luigi Monzo, Università di Innsbruck (Austria), info [at] luigimonzo.de
Carmen M. Enss, Università di Bamberga (Germania), carmen.enss [at] uni-bamberg.de

—-

[EN]

Townscapes in transition. Transformation and reorganization of Italian cities and their architecture in the interwar period.
(Session 24)

Social change after WWI led to an accelerated change in the built environment. Within a broad stylistic scope of architectural and urban design projects, the structural ‘DNA‘ of Italian historic cities offered a basic planning guideline. Historic paradigms determined not only trends in conservation but guided new approaches to architecture as well as urban and landscape design. The result was not a single strategy to ensure continuity in urban planning and architecture, but a multiplicity of formal principles and trends. The session proposes to clarify what methods Italian architects and urban planners used to take possession of a ‘Roman’ or ‘Italian’ building and planning tradition, and how they accommodated it to the modernization of their country.

Please submit via email a 200-250-word abstract of the presentation, a brief biographical note and affiliation to Luigi Monzo (info@luigimonzo.de) by December 30, 2017. Please comply with conference guidelines: https://aais.wildapricot.org/conference_guidelines. The conference languages are Italian and English.

Session organizers and chair:
Luigi Monzo, University of Innsbruck (Austria), info@luigimonzo.de
Carmen M. Enss, University of Bamberg (Germany), carmen.enss@uni-bamberg.de

croci e fasci – Der italienische Kirchenbau in der Zeit des Faschismus, 1919-1945

Croci Fasci cover rz_grau_klBreit angelegte Studie zum italienischen Kirchenbau in der Zeit des Faschismus

Die Zeit von 1919 bis 1945 war in Italien geprägt vom politischen und gesellschaftlichen Ringen um eine neue Ordnung. Dabei erwies sich die Herrschaftspraxis des von Mussolini 1922 installierten faschistischen Regimes als Metrum der Entwicklungen. Trotz seiner heterogenen Ideologie gelang dem mussolinischen Faschismus jedoch die Etablierung und Konsolidierung einer neuen Wirklichkeit, zu der auch die Verständigung mit der katholischen Kirche gehört. Diese Verständigung schuf wiederum die Voraussetzungen für eine im italienischen Einheitsstaat bislang beispiellose kirchenbauliche Expansion. Zugleich war die Auseinandersetzung mit den Fragen einer zeitgemäßen repräsentativen Architektur sowohl dem Regime als auch der Kirche gemein. Im Spannungsfeld erhitzter Debatten, progressiver und traditionsverbundener Denkweisen, entfaltete sich die wechselvolle Geschichte der Suche nach einem neuen, der Lebenswirklichkeit des 20. Jahrhunderts angemessenen katholischen Kirchenbau. Unter dem begünstigenden Eindruck der faschistischen Architekturpolitik profitierte die kirchenbauliche Entwicklung von der Neuausrichtung der architektonischen Gemengelage, so dass sich schließlich ein Kirchenbau verfestigte, der die typische Verlustempfindlichkeit der Kirche überwinden konnte und heute als Mittler zwischen der Kontinuität jahrhundertealter Traditionen und dem liturgisch motivierten Aufbruch der 1950er und 1960er Jahre gelesen werden kann.

Die vorliegende Arbeit eröffnet und analysiert ein Panorama, das ausgehend von den historischen Voraussetzungen im komplizierten Verhältnis von katholischer Kirche und italienischem Staat über die architekturpolitische Entwicklung im faschistischen Italien zur differenzierten Untersuchung kirchenbaulicher Phänomene in ganz Italien führt.

Luigi Monzo: croci e fasci – Der italienische Kirchenbau in der Zeit des Faschismus, 1919-1945. 2 Bde. Karlsruhe 2017 (Dissertation Karlsruher Institut für Technologie). 1.050+445 Seiten, 1.890 sw-Abb. DOI(KIT): 10.5445/IR/1000071873.

https://publikationen.bibliothek.kit.edu/1000071873